800 145068

Caldaia a Condensazione Convenienza con Riscaldamento a Pavimento

Il funzionamento di una caldaia a condensazione ricorda quello di una caldaia convenzionale. Tuttavia, in una caldaia a condensazione, viene sfruttato il calore latente dei fumi generato dalla combustione del gas, olio combustibile o bio combustibile.

Il vapore acqueo riscalda l’acqua di ritorno dai radiatori e quindi si condensa. Pertanto, il vapore acqueo contenuto nei gas di combustione viene utilizzato per riscaldare l’acqua che verso i radiatori che sono collegati alla caldaia. Il tutto è controllato per evitare il riscaldamento eccessivo della caldaia. Il vapore raffreddato poi si condensa e viene scaricato tramite il sistema fognario.

Chi si occupa del montaggio della caldaia a condensazione

Tecnici abilitati nel montaggio di caldaie che devono rilasciare alla fine di installazione la dichiarazione di conformità secondo legge vigente.

Come si installa una caldaia a condensazione

La caldaia a condensazione a gas può essere installata facilmente come una caldaia convenzionale. È semplicemente necessario prevedere un condotto di evacuazione per l’acqua risultante dalla condensa e una canna fumaria per l’estrazione dei prodotti della combustione . Si consiglia vivamente di chiamare un professionista per l’installazione della caldaia come misura di sicurezza . Inoltre, ciò consente di beneficiare di vari aiuti finanziari per ammortizzare il costo dell’investimento.

Non appena si verifica la combustione del gas, la caldaia a gas a condensazione deve buttare fuori i fumi. Questi sono acidi: pertanto, deve essere fornito un tubo di scarico a prova di perdite . Inoltre, l’acqua della condensa, anche acida, deve essere espulsa attraverso un tubo di evacuazione resistente alla corrosione . Generalmente in PVC, è collegato al tubo delle acque reflue, avendo cura che i condensati siano sufficientemente diluiti dal flusso delle acque reflue e non corrodano il tubo esistente in ghisa o cemento.

Le caratteristiche principali da sapere per giudicare le prestazioni di una caldaia a condensazione a gas sono:

  • L’ efficienza complessiva della caldaia (in%) che rappresenta la sua efficienza. I rendimenti di una caldaia a condensazione sono dell’ordine del 105-110%.
  • La potenza della caldaia (in kW) che fornisce informazioni sulla sua capacità di produrre calore. Per una caldaia a condensazione a gas, la potenza varia da 5 a 25 kW a seconda delle dimensioni dell’alloggiamento .

Incentivi acquisto caldaia a condensazione

Ogni anno il Governo tramite Agenzia delle Entrate proroga le detrazioni fiscali sulle installazioni di impianti termici. Le detrazioni sono del 50% o del 65% sulla spesa di acquisto e montaggio, a seconda del tipo di caldaia installata e dal combustibile che si usa per alimentarla. Le detrazioni si spalmano per un periodo di 10 anni.

Ogni quanto bisogna effettuare i controlli sulla caldaia a condensazione

Come previsto dal D.Lgs 311/06 quello che una volta era chiamato “bollino blu” è ora il controllo obbligatorio che va fatto a qualsiasi tipo di caldaia.

Per caldaie con potenze inferiori a 35 Kw installate da meno di 8 anni il controllo va fatto ogni 4 anni, per caldaie montate più di 8 anni fa il controllo si fa ogni 2 anni.

Vantaggi e svantaggi caldaia a condensazione

L’efficienza di una caldaia a condensazione è particolarmente elevata, poiché il calore prodotto dalla caldaia viene sfruttato quasi interamente in modo utile. Condensando parte o tutto il vapore acqueo, questa caldaia a gas consuma dal 10% al 25% in meno di gas per la stessa quantità di calore prodotta. Per questo, la temperatura di ritorno del circuito di riscaldamento centrale deve essere inferiore a 50 ° C.

Questa caldaia è quindi particolarmente adatta per i cosiddetti circuiti di riscaldamento centralizzato a bassa temperatura che associano radiatori a bassa temperatura la cui temperatura di ritorno ancora più bassa consente di massimizzare la condensa e quindi il risparmio energetico. . Quindi si risparmia in energia consumata e di conseguenza sulla bolletta del gas.

Il risparmio è ancora più marcato dunque se la caldaia a condensazione è accoppiata con un riscaldamento a pavimento a pannelli radianti. In questo caso sono necessarie temperature di esercizio più basse per avere una media di 20 gradi all’interno di un’abitazione. Con i radiatori convenzionali dobbiamo far arrivare l’acqua a 70 gradi.

Le temperature del fumo prodotte dalle caldaie a condensazione sono inferiori (50 ° C) rispetto a quelle prodotte dalle caldaie convenzionali (200 ° C). Ciò che riduce i loro effetti inquinanti sull’ambiente. Inoltre, il fatto che la combustione sia più completa consente già di ridurre le emissioni di gas inquinanti .

Lo svantaggio è costituito dal fatto che la caldaia a condensazione rilascia circa 10 litri di acqua al giorno, variabile a seconda del tempo di utilizzo. La connessione alla rete delle acque reflue è quindi essenziale.

Tag: